Stress da esami. Quando il tempo scarseggia. - Anti ansia e stress

Stress da esami. Quando il tempo scarseggia.

Lo so, ogni volta che pensi all’esame ti viene l’ansia. Ti agiti, fai fatica a concentrarti e invece di studiare ti ritrovi a contare i giorni o i capitoli che devi ancora studiare. Passi il tempo ad immaginare scenari catastrofici, gaffe, blocchi di memoria, situazioni imbarazzanti e non puoi farne a meno.

La strategia che molti studenti adottano nella tua situazione è un meccanismo inconscio di evitamento. Cercano di evitare le sensazioni sgradevoli dell’ansia da esame, rimandando lo studio e qualsiasi cosa li porti a pensare all’esame e alle prove che incombono. In altre parole si svagano come possono con feste, amici, film e Playstation. Il giorno dell’esame intanto si avvicina e diventa sempre più spaventoso per non dire terrificante anche il solo pensarci.

Evitare il problema non fa altro che peggiorare la situazione.

Le paure si sconfiggono affrontandole.

Se anche tu sei in questa situazione: abbandona ogni recriminazione e senso di colpa per il tempo che hai sprecato e METTITI ORA, SUBITO,  SUI LIBRI.

Non è mai troppo tardi!

Studia con una strategia. Studiare a caso, come ti viene, può non essere abbastanza:  visiona prima tutto il materiale che ti rimane ancora da studiare e decidi un piano di studi giornaliero che ti consenta di completare tutto entro qualche giorno dalla scadenza. Gli ultimi giorni servono per ripassare. Se il materiale da studiare è troppo per il tempo che ti rimane, cerca dei riassunti o procurati degli appunti (c’è sempre qualche amico studente che riassume schematicamente tutte le lezioni). Studia per bene, tutto il materiale in forma di riassunto e poi programma il tempo che ti rimane, per approfondire sui libri le parti che reputi più importanti. In questo modo, anche se non farai in tempo ad affrontare tutto il materiale, avrai una conoscenza minima generale che sarà comunque meglio dell’avere grosse lacune su alcuni argomenti e ti darà più sicurezza.

Fai delle pause di 10 minuti ogni 45 o 60 minuti. In questo modo riuscirai ad essere più concentrato mentre studi e ti affaticherai di meno.

Evita di usare computer, tablet e smartphone prima di andare a dormire. Migliorerai la qualità del sonno.

Fai spuntini leggeri. Il cervello ha bisogno di zucchero ma non bisogna esagerare o sarai appesantito dal troppo cibo. Qualche frutto come merenda ti darà la giusta carica.

Se ti viene sonnolenza. Ci sono diversi modi per farsela passare. Se un tè o un caffè non bastano, prova a masticare un chewing gum. Un altro rimedio è quello di alzarsi dalla sedia (mai studiare a letto sei vittima di sonnolenza) e fare dei saltelli allargando e avvicinando braccia e gambe. In questo modo ossigeni il cervello metti in circolo sostanze che ti aiuteranno a studiare attivamente, almeno per un po’.

Salva

Che cosa ne pensi di questo articolo?
  • Mi piace molto 
  • Utile 
  • Non è quello che cercavo 

Lascia un commento

Vai alla barra degli strumenti